WEB

Aumentiamo le performance del nostro portale tramite le CDN

16 Novembre 2017
Cause di lentezza e soluzione
La riduzione del tempo di caricamento si può ottenere - lato sviluppatore - evitando di caricare contenuti pesanti, rimuovendo le librerie non necessarie, minimizzando css e javascript ecc. Ottimizzato il codice, un parametro fondamentale che poco spesso consideriamo è la velocità dell’informazione, la quale ha una velocità massima a cui può viaggiare di circa 299 792 458 m/s.
I più ferrati in fisica avranno già riconosciuto il numero, conosciuto come la velocità della luce, per gli informatici, il nemico invincibile per quanto riguarda i tempi di risposta.
Questo concetto è anche conosciuto sotto forma di “ping” o “round trip time”: sono misure del tempo impiegato da un pacchetto per percorrere la strada di cavi, fibre ottiche e onde radio che separa l’utente dal server.
Ma che cosa c’entra tutto questo con la reattività del nostro sito?
Semplificando: quando un utente cerca di aprire un sito deve effettuare una connessione al server, questo tempo è, nella migliore delle ipotesi, un round trip time (tempo di andata e ritorno). Il problema nasce quando la distanza tra il nostro server e i nostri utenti aumenta. Ad esempio con utenti geograficamente lontani oppure con utenti su rete mobile, che devono percorre strade più lunghe e attraversare mezzi fisici differenti.
Un modo per poter mitigare questi problemi è quello di utilizzare le CDN.
Per CDN, acronimo di Content Delivery Network, si intende una rete, tipicamente su scala globale, che è capace di fare da intermediario tra utenti e sito web in maniera trasparente al fine di ottimizzarne il processo di consegna del contenuti.
In pratica le CDN sono un insieme di server distribuiti geograficamente, il cui numero e distribuzione può variare in base all’architettura, con l’obiettivo di instradare una richiesta di contenuto sul nodo che viene individuato come ottimale.
Le CDN possono offrire caching, questo significa che i contenuti del sito vengono copiati temporaneamente nei server della CDN, portando i contenuti più vicino all’utente, ottimizzando quindi il trasferimento dei dati.
Il vantaggio che deriva dall’utilizzo di una CDN è che l’utente non deve connettersi al nostro server ma si connette ad uno dei numerosi punti di accesso della rete di distribuzione, riducendo i tempi di connessione, vuoi per minor distanza dal server, vuoi per esser instradato al server con un minor carico medio di lavoro.
Altro vantaggio di una CDN è la protezione dai DDoS, per non avere disservizi in caso di attacchi e in generale filtri per origini considerate non sicure.
La sicurezza che una CDN offre deriva direttamente dalla sua dimensione: tipicamente si parla di decine di data center su scala globale, quindi è un tipo di servizio che pochi possono ottenere sfruttando la loro struttura interna.
Anche in caso di picchi di traffico le CDN ci vengono incontro evitando di mandare in crisi il server principale.
Navigando in rete è possibile trovare quanti provider offrono questo servizio, a titolo gratuito per la maggior parte delle applicazioni, e valutare di far transitare il vostro sito attraverso uno di questi.